Atleta del mese: Daniela Cecchetti

Il mese di Daniela si è diviso tra le campestri di Corri per il Verde, dove si è ben comportata, e la pista dove ha ottenuto il suo primato personale. Dicembre è suo!

Perché si decide di fare atletica?

E’ nel mio carattere fare movimento ed impegnarmi in quel che faccio, però effettivamente non mi ero mai confrontata con uno sport vero, e l’atletica è veramente la regina degli Sport.

Ho iniziato solo due anni fa, quasi per sbaglio, perché nei test annuali che il mio lavoro impone (sottoufficiale dell’Aeronautica Militare) sui 2km staccavo tutti e allora ho provato a correre davvero. Non è stato affatto facile; non vi nascondo che è una gran fatica anche solo trovare il tempo per allenarsi, e farlo con costanza e concentrazione, ma l’impegno paga! Ho iniziato a correre 10 km con ritmo di 5 al km, tempo che ora mi sembra ridicolo… I risultati son arrivati pian piano, con il sudore e la presenza vigile del mio allenatore Marco Testero che mi ripete “spacchiamo tutto!!”.

Sicuramente c’è da dire che non è facile iniziare a 32 anni, ma d’altro canto sono più consapevole di quel che faccio. Inoltre per indole  sono una persona estremamente tenace e caparbia, il che aiuta… E poi adoro pormi obbiettivi e lottare per raggiungerli, che siano personali o di società, perché, diciamocela tutta, in questo sport individuale ho trovato una bellissima squadra per la quale si è perfino disposti a correre 5 km…

fiumicino_20151213-816_Cecchetti

Qual’é la tua gara ideale?

Senza ombra di dubbio gli 800…! Mi piacciono perché è una distanza corta, una gara veloce, devi dare tutto e fino in fondo. Mi fanno pensare alla forza, quella che devi avere nelle gambe per arrivare fino alla fine e quella che devi avere in testa per tenere il ritmo e poi dare ancora di più. Ed infine tener duro fin quando non vedi il traguardo che ormai si avvicina da solo… Mi piace questa gara perché ti fa tirare fuori il carattere, la rabbia, la voglia di farsi valere e devi mantenere la concentrazione per tutta la durata per realizzare la gara ideale…

 

I tuoi propositi per il nuovo anno?

La sparo grossa visto i fuochi di capodanno … scendere sotto i 2.30! Goliardicamente mi pongo un obbiettivo notevole, ma si punta in alto e poi si raccoglie con apprezzamento tutto quel che viene. Ovviamente ho il desiderio e la volontà di migliorarmi anche sui 1500 e magari sui 3000, il 5000 invece non è proprio nei miei pensieri…

Quali sono le tue impressioni sulla nostra squadra?

Rispondo dicendo che è una squadra che fa impressione… soprattutto per la quantità di persone che si impegnano in essa con passione e ardore e del tutto volontariamente; ed è vedendo tutto questo che ti viene voglia di impegnarti al tuo massimo e “sacrificarti” per essa. Io poi purtroppo la vivo un po’ a distanza, a causa del lavoro e del fatto che vengo da fuori Roma, ma ho voglia di partecipare di più e, in ogni caso, non ho potuto non notare e apprezzare lo spirito di gruppo che mi ha subito accolto.

Apprezzo molto tutto il lavoro dei tecnici e dirigenti che son sempre presenti alle gare e disponibili per noi atleti, che ci rendeno partecipi e ci spingono a fare fieramente la nostra parte. Il fatto di essere ricordati e presi in considerazione tutti personalmente mi fa sentire importante e quindi indubbiamente li ringrazio, in modo particolare il mio. A conclusione vi dirò che anche i colori della società mi piacciono molto e la tuta è bellissima, sul completino invece ne possiamo parlare… ma non c’è mai una rosa senza spine!