Benvenuto 2016!

 

L’anno nuovo si apre con le indoor di Ancona, i lanci lunghi di Rieti e le corse su strada. E arrivano le prime soddisfazioni della stagione!

Si mettono subito in luce gli allievi del gruppo Iacoangeli.  Lorenzo Centracchio segna un sensibile miglioramento sui 60hs correndo in ????????????????????????????????????8”68 in batteria e 8”73 in finale, due decimi abbondanti sotto il limite di partecipazione per i campionati italiani. Il compagno di allenamento Luca Barbieri eguaglia i suoi primati su 60 (7”35), 400 (53”75 corso lo scorso anno all’aperto) e migliora quello sui 200 indoor (23”59). Completa la truppa degli allievi Luca Sandretto, al personale sui 200 con 26”06 e sui 400 con 58”20. Fa l’esordio con i nostri colori anche la junior primo anno Chiara Paternostro che sigla 29”24 sui 200, suo PB.

Cristiano Colombi, dopo un pregevole 1000 all’aperto corso a fine anno, conferma il suo progresso scrivendo i suoi primati personali sui 400, con 51”06, e sugli 800, dove migliora di circa sei decimi la sua prestazione indoor, scendendo a 1’55”73, ben sotto il minimo per gli italiani indoor. Cominciamo a pensare a una bella 4X800 quest’anno?

Enrico Weber prova il suo primo eptathlon ma si ferma a 3 gare, tutte con il personale (60 in 7”56- 10.43 di peso e 5.82 di lungo), probabilmente frenato da una caviglia non a posto.

Si gareggia anche all’aperto a Rieti: Cecilia Lozzi scaglia ancora più lontano il suo giavellotto che atterra a 37.24, ben oltre il minimo di categoria promesse, con una serie di spallate quasi tutta
sopra i 35 metri.

In attesa dell’apertura di stagione sul cross (domenica prossima ad Ariccia) c’è il rientro alle gare anche per l’allievo Victor Curcuianu che allunga il tiro su strada andando a vincere la gara di 4,6 km della Mezzaroma Run in 15”29. Matteo Pacenza fa un allenamento nella gara di 10 km chiudendo in 36”38 senza forzare.

Alla corsa della Befana di mercoledì Gabriele Caroli copre gli impegnativi 10 km del percorso, di cui gli ultimi 3 sullo sterrato bagnato del Parco degli Acquedotti, in 33”53, seguito da Fabrizio De Martini che chiude in 35”11 guidando il nostro gruppo master che comincia ad avere la sua consistenza sotto le cure di Paolo Santonocito.

Siamo in buona salute, no?
Lozzi2