In giro per l’Italia tra piste e cross

Ancora un fine settimana ricco di soddisfazioni per i nostri colori. Eravamo presenti con una nutrita truppa ad Ancona, alla caccia del minimo di partecipazione ai campionati italiani indoor, a Casal del Marmo, dove erano in palio i titoli regionali al coperto, e ancora ai cross di Ostia, alla Corsa di Miguel, a S.Vittore Olona per la 5 Mulini e per finire ad un Trail in Abruzzo.

Cominciamo da Ancona dove sabato si è registrata la prestazione di maggior valore tecnico con la vittoria di Matteo Iachini sui 400: 48”41 il risultato finale, a soli tre centesimi dal suo primato indoor, tempo che lo proietta ancora tra i protagonisti italiani della specialità e lo rende ancora incerto se spingersi con più decisione sugli 800. Ecco il video della sua gara

 

Dopo la buona prova del cross di Ariccia Francesco Mammucari abbatte il suo primato personale sui 1500 di oltre 8 secondi siglando un pregevole 4’04”74 che solo per pochi decimi non costituisce il minimo di partecipazione per i campionati italiani. Non pago replica il giorno successivo anche con un buon 3000 corso in 9’01”40, ampiamente primato personale.

Dietro di lui Francesco Visentin agguanta i suoi PB con 4’15”94 e 9’32”30. Completa il gruppo di Sandro Bellucci anche Cristiano Silla che fa il suo esordio su 1000 e 800, anche lui con primati personali (3’10”82-2’26”05).

Francesco Vinci è in buona forma e migliora di un centesimo il suo limite sui 60 con 7”05, ripetendosi il giorno successivo sui 200 con 22”84. Speriamo che il tendine d’achille lo lasci in pace.

Il gruppo dei velocisti di Marina Marinelli viene guidato dallo junior Jacopo Civitano (7”46-24”14) che regola i suoi compagni Federico Cellucci (7”71-24”42) ed Emanuele Tamburri (7”91-25”07).

Buoni gli 800 metri di Matteo Pacenza (1’56”24), intenzionato ad insidiare la leadership stagionale di Colombi, e ritorno alle gare di Michele Visconti (2’00”47) ed Emiliano Esposito, in ripresa dopo un lungo stop vacanziero, con 2’02”14.

C’erano anche, all’esordio in pista con i nostri colori, le cadette di Marisa che si sono ottimamente comportante sui 200 individuali e in staffetta. Su tutte si è imposta Lavinia Germano che, al primo anno di categoria, ha siglato un buon 28”16, seguita da Giulia Azzarello (28”84), Alessandra Cravagno (31”54) e Alexandra Marks (32”88). La loro staffetta ha poi chiuso in 2’00”03, migliore della somma dei loro tempi individuali. Quando si dice che l’unione fa la forza!

Le più grandi Francesca Fabrizi e Cecilia Lozzi (stavolta senza lancia in resta) hanno replicato con 28”94 e 29”29.

Federica Coppola, dismessa la corona di alloro da neo-dottoressa, è tornata sugli 800 siglando un 2’19”94.

Sempre al coperto, i campionati regionali indoor di Casal del Marmo, hanno messo in evidenza Ilaria Romagnoli, neo-campionessa di salto in lungo.  Medaglia d’oro anche per Carla Pedone che cerca la forma migliore per gli italiani e risale a 1.58 nell’alto e Micol Caroselli 8.78 di triplo.

Si rivede finalmente una nostra maglia nella pedana dell’asta: l’allievo di Stefania Ferdinandi Alessandro Pancalli supera i 2.80 e speriamo che sia solo l’inizio di una più consistente ascesa.

Lorenzo Centracchio coglie l’ultimo ostacolo in batteria e si trascina infortunato al traguardo, siglando un 8”73 che faceva presagire un ottimo tempo. Speriamo di riaverlo in forma per gli italiani tra due settimane.

Con gli ostacoli un po’ più alti Riccardo Pagliuca fa un passettino indietro rispetto all’uscita della scorsa settimana correndo in 8”79 in batteria e  8”72 in finale (bronzo regionale).

Una nutrita rappresentanza di nostri velocisti ha colorato di arancio-verde i 60 mt.

Partiamo dagli allievi: questa volta Luca Barbieri è riuscito a staccare il minimo di partecipazione per gli Italiani di Ancona, con una batteria così così (7”39) e una finale più convincente che lo ha portato al bronzo (7”26). Escluso di un solo centesimo dalla finale (7”40) Gioele Catalano ha messo in mostra le sue consuete partenze “prudenti” e le sue accelerazioni da buon velocista prolungato. Si metterà sicuramente in luce ad Ancona sulle distanze a lui più congeniali. Dietro di loro c’è il buon esordio di Andrea Flati (7”66), allievo al primo anno di categoria, e le volate di Luca Sandretto (8”04), Edoardo Berardelli (8”05) e Marco Musacchio (8”60), passato in poco tempo dai 5km di cross allo sprint puro.

Le allieve sono guidate da Maria Stella Vacca che corre in 8”37 in batteria e giunge quinta in finale guadagnando un altro centesimo. La seguono Arianna Berrè (9”04), Flavia Corpina (9”07 e 11”07 con gli ostacoli), Chiara Gonzini (9”30), Francesca Olivo (9”62), Chiara Capuano (9”64) e Sofia Lo Surdo (10”16).

Tra gli junior ci sono Riccardo Pagliuca (7”54),  Simone Mattei (7”80)  e Chiara Paternostro  (8”86).

I più grandi vedono il rientro in pista di Thomas Manfredi (7”26 in batteria e 7”19 in finale), i primati personali di Edoardo Ceruti e Flavio Nespolo separati da un solo centesimo (7”34 e 7”35 rispettivamente) e più dietro Dario Tomassi (7”52), Federico Morzilli (7”78) e Andrea Benevento (7”91).

Ilaria Romagnoli, dopo la vittoria nel lungo, è anche argento promesse sui 60 (8”28 migliorato in 8”26 in finale) e  Francesca Ventura approda anche lei in finale (8”69). Martina Consoli (9”15) e Carolina Ceruti (9”22)  completano lo schieramento delle nostre ragazze.

 

Dalla pista alle campestri.

Al Cross Internazionale dei 5 Mulini di S.Vittore Olona Gabriele Caroli, in ripresa di condizione rispetto alle prove precedenti, è 29° chiudendo gli 11,5 km del suggestivo percorso in 40″51, e ci mostra qualche passaggio davanti alle telecamere RAI. Domenica lo aspettiamo di nuovo al cross delle Capannelle.

Dalle brume del nord (una volta era così) ai prati di Ostia. Paolo Santonocito e Matteo Chiesa sono i nostri portacolori nei 6km del CdS Master  e chiudono in 42esima e 82esima posizione. Elisa Palamara e Daniela Cecchetti sono sesta e decima nei 3km del Campionato Regionale di cross corto femminile (gara riprisitinata dopo qualche anno di assenza).
Il protagonista assoluto, nonostante gareggiasse lui solo per la nostra Società, è Luca Maranto, allenato da Marisa, che vince i 1500 m riservati alla categoria Ragazzi conquistando il Campionato Provinciale di Cross Giovanile, davanti ai tanti pari età delle Fiamme Gialle Simoni che giocavano in casa.

Per concludere coi prati Aldo Santilli ci fa sapere che abbiamo incrementato i seguaci del Trail in Abruzzo, ma le cronache sono avare di contenuti.

Chiudiamo la carrellata dei risultati con la Corsa di Miguel. Erano presenti l’allievo Victor Curcuianu che ha vinto la classifica di categoria correndo i 9,3 km del percorso in un buon 33″31.  Circa un minuto dietro Andrea Mestre e ancora dopo Alessandro Lo Giudice e lo stakanovista Eugenio Rondelli. Infine Alessio Moricca arriva quarto nella gara più corta di 4 km.

Si replica il prossimo fine settimana con i Campionati Italiani junior e promesse indoor ad Ancona e con la seconda fase dei Cds di Cross alle Capannelle.

Non ci annoiamo, vero?