Tutta esperienza, buone premesse e ottima Promessa

Resoconto Campionati Italiani Indoor Junior-Promesse 2017

La prima giornata ad Ancona vede scendere in pista i due velocisti Thomas Manfredi (96) e Fabio Tardito (95) rispettivamente nelle gare dei 60m e dei 400m. Anche se entrambi vantano ottimi personali in queste specialità, purtroppo le stelle della Campidoglio questa volta non brillano. Infatti, non riuscendo a farsi valere, il buon Thomas taglia il traguardo in 7″24 sul 60m, tempo che lascia decisamente l’amaro in bocca considerando che soltanto da allievo vantava un 7″22. Ma avrà modo di rifarsi alle prossime gare. Simile situazione per Fabio che fatica a stare al seguito dei suoi avversari per chiudere i 400m in 50″16.

Unico ostacolista junior con il minimo per la nostra squadra è Alessandro Pietravalle, che nella seconda giornata ad Ancona sigla il personale di un centesimo finendo i 60hs in 8″81. Il risultato non basta al ragazzo per accedere alle finali ma ci fa comunque ben sperare per una stagione in crescita. Passando al mezzofondo della Campidoglio vediamo lo junior Victor Curcuianu (99) che si destreggia bene nella sua batteria. Nonostante una gara di coraggio e in rimonta, il tempo finale che non lo soddisfa è di 1’58″08 (il suo personale fatto 2 settimane prima è di 1’57″11). Tra le promesse vediamo tre dei nostri alla partenza degli 800m: Cristiano Colombi (95); Francesco Visentin (95); Matteo Pacenza (97) . Nella prima serie troviamo Francesco Visentin e Matteo Pacenza in uno scontro diretto nella batteria degli accreditati con i tempi meno buoni. Alla fine della gara è Pacenza ad imporsi sul compagno, ma entrambi rimangono delusi da tempi non all’altezza dei loro standard. Pacenza chiude l’800 in 1’57″47  mentre Visentin in 1’58″27. Ma a far brillare i colori della Campidoglio ci pensa il capitano Cristiano Colombi (classe 95), che al suo ultimo anno da promessa conquista un’eccellente quarto posto nella batteria dei migliori accreditati. Il tempo finale è di 1’52″63 , un ottimo risultato se consideriamo in primis, la gara tatticamente difficile (gestita con costanza e determinazione) che ha affrontato il nostro compagno e in secundis il personale outdoor non lontano di 1’50″38. Questo dato ci fa ben sperare per le prossime gare outdoor. Nel frattempo nella pedana del triplo troviamo lo Junior Filippo Morseletto (classe 98) in difficoltà nella gestione della rincorsa. Filippo vantava la quarta misura di accredito , ma non riuscendo a rendere validi ben cinque salti su sei a disposizione non riesce ad andare oltre i 14.22m, che gli valgono “solo” una quinta posizione lasciando un po’ di amarezza e nervosismo all’atleta. Filippo però si vede costretto a reagire mentalmente per la staffetta 4 x 200 junior che lo aspetta per tagliare il traguardo. I suoi compagni sono Luca Barbieri (99), autore di notevoli miglioramenti nei 200 e nei 60 in questa prima fase di stagione, Alessandro Pietravalle (98) e Lorenzo Lucarini (98), tutti atleti in fase di grande crescita. Purtroppo non riescono a concludere la gara in meno di 1’32″30 …. anche qui troviamo un poco di acredine poiché i cambi non sono stati efficaci come avrebbero dovuto e non hanno reso merito alla formazione che forse anche per questo si è dovuta accontentare di una quinta posizione. Accompagna la squadra come riserva della staffetta Simone Carneri che supporta la squadra con grande tifo in questa sua prima trasferta ufficiale.

Matteo Pacenza